I lavoratori autonomi dello spettacolo e l’Inps

I lavoratori autonomi dello spettacolo, anche occasionali, con l’assorbimento da parte dell’Inps del Fondo dello Spettacolo (Enpals), ai fini previdenziali sono equiparati ai lavoratori subordinati.

Sono assoggettati agli stessi adempimenti di tipo amministrativo e previdenziale, con la sola eccezione di non essere soggetti all’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali poiché obbligatoria solo per i rapporti di lavoro subordinati.

I  lavoratori autonomi dello spettacolo coloro che svolgono una delle attività artistiche, tecniche o amministrative riportate nell’art. 3 del D.Lgs.C.P.S. n. 708/1947 adeguato ed integrato dal D.M. del 15 marzo 2005.

Il datore di lavoro (committente) che occupi lavoratori autonomi dello spettacolo è tenuto ad effettuare al competente Centro per l’Impiego, tramite il modello UNILAV, la comunicazione relativa all’instaurazione del rapporto di lavoro entro il giorno antecedente a quello di instaurazione dei relativi rapporti, o entro 5 giorni nei casi di cessazione, variazione o trasformazione (Ministero del Lavoro, nota n. 5460 del 6.8.2008)

 Il versamento dei contributi pensionistici deve essere effettuato all’INPS/Gestione spettacolo sull’intero importo dei compensi corrisposti per competenza, applicando le medesime aliquote e gli stessi criteri di ripartizione tra datore di lavoro e lavoratore subordinato dello spettacolo.

Per il calcolo dei contributi valgono le stesse disposizioni dei lavoratori subordinati dello spettacolo fatta eccezione per i contributi minori dal momento che i lavoratori autonomi sono soggetti alla sola contribuzione per malattia nella misura indicata dall’INPS nella Circolare n. 124 del 3.8.2017.

Per l’integrazione nella sezione PosContributiva del flusso UniEmens degli elementi informativi di natura retributiva e contributiva dei lavoratori dello spettacolo, dal 1° gennaio 2015 non risulta più necessario aprire una matricola INPS diversa per i lavoratori autonomi. La circolare INPS n. 154 del 3.12.2014, identifica tali lavoratiori nel flusso UniEmens con il codice Qualifica1 “S”.

Per i lavoratori autonomi dello spettacolo deve essere richiesta l’agibilità (obblighi sono stati modificati con decorrenza dal 1.1.2018 dalle disposizioni di cui alla Legge n. 205 del 27.12.2017)

Certificato di agibilità ex Enpals: INPS chiarisce obblighi ed esoneri

Le tipologie di certificato di agibilità Inps ex Enpals